.
Annunci online

  franca [ il blog della domenica ]
         

vecchio blog in ristrutturazione permanente

Anno liturgico
: celebra in successione gli eventi di salvezza. Inizia quattro domeniche prima di Natale con il “tempo di Avvento” e si chiude nell’anno solare successivo, con la domenica di “Cristo re”. Le letture dell’Antico e del Nuovo Testamento sono disposte nell’arco di tre anni.
Anno liturgico “A”:  si legge prevalentemente il vangelo secondo Matteo;

anno liturgico “B”:  si legge prevalentemente il vangelo secondo Marco;

anno liturgico “C”:  si legge prevalentemente il vangelo secondo Luca;

Giovanni viene letto particolarmente nel tempo pasquale e nell’anno B (il vangelo secondo Marco infatti è il più breve).

Avvertenza anno 2009: da pochi mesi la liturgia si serve di una nuova traduzione dei testi biblici (perciò quella che si trova qui è leggermente diversa )

Per leggere i post qui sotto, cliccaci sopra. Per tornare alla pagina principale, clicca nella colonna di destra "Ultime cose"

Il vangelo di Marco 

Le donne nei vangeli

 

Due schede sull'eucarestia:

  -  Corpo e sangue

  -  Eucarestia come cena

 

Dio, l'uomo, il segno

Fede, rapporto con Dio e segno nella profezia dell'Emmanuele

Maria, Elisabetta e il valore del "segno"

 

 

 


10 giugno 2011

Le donne nei Vangeli

    All’epoca del Nuovo Testamento, la donna viveva emarginata per il semplice fatto di essere donna (cf. Lv5,19-27; 12, 1-5). Nella sinagoga non partecipava alla vita cultuale, nei tribunali non poteva essere testimone. Per questo molte donne resistevano contro questa esclusione. Fin dai tempi di Esdra, quando l’emarginazione della donna era più pesante ancora, (cf Esd 9,1-2;10,2-3), cresceva la sua resistenza, come appare nelle storie di Giuditta, Ester, Ruth, Noemi, Susanna, la Sulamita ed altre. Questa resistenza incontra ascolto ed accoglienza in Gesù. Ecco alcuni episodi in cui appaiono l’inconformismo e la resistenza delle donne nella vita quotidiana e l’accoglienza che Gesù dà loro:
    La prostituta ha il coraggio di sfidare le norme della società e della religione. Entra in casa di un fariseo per incontrarsi con Gesù. Incontrando lui, incontra amore e perdono e riceve difesa contro i farisei.
La donna curva non sente nemmeno le grida del capo della sinagoga. Cerca la guarigione, anche se è sabato. Gesù l’accoglie come una figlia e la difende contro il capo della sinagoga (Lc 13, 10-17).
    La donna considerata impura causa della perdita di sangue, ha il coraggio di mettersi in mezzo alla gente e di pensare esattamente il contrario della dottrina ufficiale. La dottrina diceva: “Chi la tocca, rimane impuro!” Ma lei diceva: “Se riesco a toccarlo, guarirò!” (Mc 5,28). E’ accolta senza censura e viene curata. Gesù dichiara che la guarigione è il frutto della fede (Mc 5,25-34).
    La Samaritana, disprezzata perché considerata eretica, ha il coraggio di interpellare Gesù e di cambiare il verso della conversazione da lui iniziata (cf. Gv 4,19.25). Nel vangelo di Giovanni, è la prima persona che riceve il segreto che Gesù è il Messia (Gv 4,26).
    La donna straniera della regione di Tiro e Sidone non accetta la sua esclusione e sa parlare in modo tale da ottenere da Gesù l’essere da lui ascoltata (Mc 7, 24-30).
    Le madri con figli piccoli affrontano i discepoli e sono accolte e benedette da Gesù (Mt 19,13-15; Mc 10,13-16).
    Le donne che sfidarono il potere e rimasero accanto alla croce di Gesù (Mc 15,40; Mt 27,55-56.61), furono anche le prime a sperimentare la presenza di Gesù risorto (Mc 16,5-8; Mt 28,9-10). Tra di loro si trovava Maria Maddalena, considerata posseduta da spiriti cattivi, ma curata da Gesù (Lc 8,2). Lei ricevette l’ordine di trasmettere la Buona Notizia della risurrezione agli apostoli (Gv 20,16-18). Marco dice che "loro avevano seguito e servito Gesù quando era ancora in Galilea. C’erano anche molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme" (Mc 15,41). Marco si serve di tre parole importanti per definire la vita di queste donne: seguire, servire, salire a Gerusalemme. Sono le tre parole “tecniche” che definiscono il discepolo e la discepola ideale.
Esse rappresentano il modello per gli altri discepoli che sono fuggiti!
da http://www.ocarm.org/ita/ita_page.htm




permalink | inviato da franca il 10/6/2011 alle 16:3 | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre       
 


Ultime cose
Il mio profilo



rosaspina_mia


Blog letto 139018 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom